Condomini morosi e diffamazione

Scritto il 18/07/2014, 04:07.

LINK TO: Civile

La Corte di Cassazione ha avuto modo di ritornare sul reato di diffamazione all’interno del condominio.

E’ stato ribadito come il reato di diffamazione viene integrato nel momento in cui l’avviso contenente il nome dei condomini morosi venga affisso in un luogo accessibile, non già ai soli condomini dell’edificio, ma ad un numero indeterminato di altri soggetti.

Nel caso oggetto della pronuncia l’amministratore è stato condannato per aver affisso nell’atrio condominiale l’elenco dei condomini morosi, specificando che a causa loro ci sarebbe stato l’imminente distacco della fornitura idrica (Cass., Sez. V Penale, sentenza n. 4364 del 29/01/2013).

Seguendo lo stesso principio, il diffondere a tutti i condomini – e solo a questi – il verbale assembleare con cui si accusa l’amministratore di aver sottratto dei fondi dalla cassa condominiale non viola il codice della privacy, “a prescindere dal carattere diffamatorio  o meno della dichiarazione in esame” (Cass. Sez. III Civ. sentenza 23.01.13 n. 1593).

Avv. Roberto Tommasoni

Articoli correlati:

Scrivi un commento