Ossigeno Informazione

Scritto il 25/06/2011, 08:06.

LINK TO: Senza categoria

Ossigeno per l’Informazione debutta in pubblico nel 2008, in via Libertà (PA), al convegno sul difficile mestiere di cercare e pubblicare notizie sulla mafia e i suoi rapporti con la società, l’economia e la politica.

Il nome dell’Associazione è un acronimo significativo: Osservatorio Sull’Informazione Giornalistica E sulle Notizie Oscurate; (proprio come il corpo umano ha bisogno di ossigeno, una società libera e democratica ha bisogno di libertà di informazione e di espressione).

In difesa del diritto di cronaca, della libertà di pensiero e di un’informazione libera dalle ingerenze delle autorità e dai condizionamenti di chi vorrebbe nascondere notizie di pubblico interesse, l’Osservatorio si impegna a far luce sui cronisti minacciati e sulle notizie oscurate con la violenza.

Il Direttore del progetto è Alberto Spampinato, consigliere nazionale FNSI.
Il Direttore scientifico è Angelo Agostini, direttore della rivista “Problemi dell’informazione”.
Il Primo osservatore Lirio Abbate, inviato del settimanale l’Espresso.

“Ci sono idee che faticano ad emergere, – scrive Spampinato – ma quando entrano in circolo si propagano in modo inarrestabile. E’ stato così per l’idea che in Italia i giornalisti, per fare un’attività sindacale efficace e credibile, devono occuparsi di più dei cronisti minacciati, intimiditi, vittime di abusi giudiziari, e devono ricordare ad ogni passo la memoria dei giornalisti italiani uccisi e la lezione che si ricava dalle loro storie. La FNSI ci ha messo anni per riconoscerlo pienamente e scriverlo nel suo DNA”.

Articoli correlati:

Scrivi un commento