Dichiarazione sostitutiva

Scritto il 12/06/2011, 11:06.

LINK TO: Amministrativo

A stabilire le disposizioni legislative in materia di documentazione amministrativa è il Decreto del Presidente della Repubblica del 28 dicembre 2000, n. 445, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 42 del 20 febbraio 2001 (supplemento ordinario n. 30). Vediamo come sono regolate le norme in merito all’autenticazione della firma.

Cos’è l’autenticazione di firma?
Per definizione (art. 1, D.P.R. 28/12/2000 n. 445) l’autenticazione di firma è “l’attestazione, da parte di un pubblico ufficiale, che la sottoscrizione è stata apposta in sua presenza, previo accertamento dell’identità della persona che sottoscrive”.

Con quali modalità si garantisce l’autenticità della sottoscrizione di un’istanza o di una dichiarazione sostitutiva di un atto di notorietà (da presentare agli organi della pubblica amministrazione oppure ai gestori di servizi pubblici)?
Le istanze o le dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà devono essere firmate dall’interessato davanti al funzionario addetto a ricevere la documentazione.

È possibile inviare la sottoscrizione delle istanze o delle dichiarazioni (da presentare agli organi della pubblica amministrazione oppure ai gestori di servizi pubblici) tramite fax o per via telematica?
Sì, ma è opportuno precisare che, per quanto riguarda l’invio telematico, esse devono essere sottoscritte con firma digitale oppure l’interessato deve essere in possesso della carta d’identità elettronica. Inoltre, nei procedimenti di aggiudicazione di contratti pubblici, l’invio telematico delle istanze prevede che la sottoscrizione delle istanze è possibile solo nei limiti stabiliti dal regolamento (art. 15, comma 2 della legge 15 marzo 1997, n. 59).

Come deve essere redatto il testo di atti pubblici su cui apporre la firma?
L’art. 7 del D.P.R. 28/12/2000 n. 445, stabilisce che “il testo degli atti pubblici può essere redatto con qualsiasi mezzo idoneo”, ma non deve contenere errori, abrasioni, alterazioni, ecc.: nel caso in cui fosse necessario apportarvi variazioni, deve essere leggibile la stesura precedente. Sono comunque ammesse: abbreviazioni, acronimi, espressioni in lingua straniera di uso comune.

In quali casi si è esenti dall’imposta di bollo?
In merito alle esenzioni fiscali, l’art. 37 del D.P.R. 28/12/2000 n. 445, comma 1 e comma 2, stabilisce che il cittadino non deve applicare il bollo:
1) nel caso delle dichiarazioni sostitutive elencate negli art. 46 e 47;
2) nel caso in cui l’atto sostituito sia esente da bollo secondo le leggi vigenti.
Quando si è esenti dall’imposta di bollo, l’unica spesa da pagare è di 0,26 (per i diritti di segreteria).

Leggeweb


ARTICOLI DI RIFERIMENTO

Articolo 21, D.P.R. 28/12/2000 n. 445
Autenticazione delle sottoscrizioni
1. L’autenticità della sottoscrizione di qualsiasi istanza o dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà da produrre agli organi della pubblica amministrazione, nonché ai gestori di servizi pubblici è garantita con le modalità di cui all’art. 38, comma 2 e comma 3.
2. Se l’istanza o la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà è presentata a soggetti diversi da quelli indicati al comma 1 o a questi ultimi al fine della riscossione da parte di terzi di benefici economici, l’autenticazione redatta da un notaio, cancelliere, segretario comunale, dal dipendente addetto a ricevere la documentazione o altro dipendente incaricato dal Sindaco; in tale ultimo caso, l’autenticazione e’ redatta di seguito alla sottoscrizione e il pubblico ufficiale, che autentica, attesta che la sottoscrizione e’ stata apposta in sua presenza, previo accertamento dell’identità del dichiarante, indicando le modalità di identificazione, la data ed il luogo di autenticazione, il proprio nome, cognome e la qualifica rivestita, nonché apponendo la propria firma e il timbro dell’ufficio.
Articolo 38 D.P.R. 28/12/2000 n. 445
Modalità di invio e sottoscrizione delle istanze
1. Tutte le istanze e le dichiarazioni da presentare alla pubblica amministrazione o ai gestori o esercenti di pubblici servizi possono essere inviate anche per fax e via telematica.
2. Le istanze e le dichiarazioni inviate per via telematica sono valide se sottoscritte mediante la firma digitale o quando il sottoscrittore è identificato dal sistema informatico con l’uso della carta di identità elettronica.
3. Le istanze e le dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà da produrre agli organi della amministrazione pubblica o ai gestori o esercenti di pubblici servizi sono sottoscritte dall’interessato in presenza del dipendente addetto ovvero sottoscritte e presentate unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento di identità del sottoscrittore. La copia fotostatica del documento è inserita nel fascicolo. Le istanze e la copia fotostatica del documento di identità possono essere inviate per via telematica; nei procedimenti di aggiudicazione di contratti pubblici, detta facoltà è consentita nei limiti stabiliti dal regolamento di cui all’articolo 15, comma 2 della legge 15 marzo 1997, n. 59.

Articoli correlati:

Scrivi un commento

Divertirsi imparando

Iniziative sociali in zona Tribunale

Iniziative sociali in zona Tribunale. Roma, quartiere Prati. Partirà dal mese di marzo prossimo, presso i locali della Parrocchia di Santa Lucia, sita... [Continua]

Corso personalizzato per la preparazione al Nuovo Esame di Avvocato

iscrizioni aperte

Sono aperte le iscrizioni al nuovo corso personalizzato per la preparazione al prossimo Esame di Avvocato 2015/2016. Il corso offre una preparazione... [Continua]

Il Nuovo Esame di Avvocato

Riforma del 2012 (art. 46 Legge n. 247/2012)

La riforma del 2012 (art. 46 Legge n.247/2012) ha introdotto importanti modifiche all’esame di abilitazione all’esercizio alla professione di Avvocato. Dalla... [Continua]

Recente sentenza sul legittimo impedimento

Corte di Cass. Pen. n. 32949/2012

Costituisce legittimo impedimento a comparire in udienza il diritto del difensore di poter partecipare al funerale di un suo prossimo congiunto rappresentando... [Continua]

Attiva i riferimenti normativi con il Parser Normativo

Scarica da www.normattiva.it il software che trasforma in link i riferimenti normativi contenuti in un testo giuridico

Per attivare i riferimenti normativi in un testo è possibile utilizzare il Parser Normativo, scaricabile dal sito NORMATTIVA “il portale della legge... [Continua]

Milano. Chiusura Uffici dell’Ordine degli Avvocati di Milano e della Fondazione Forense

24 dicembre 2012 e 31 dicembre 2012

Gli Uffici dell’Ordine degli Avvocati di Milano e della Fondazione Forense di Milano resteranno chiusi nei giorni 24 e 31 dicembre 2012. Si segnala che: –... [Continua]