L’ascolto del minore è un diritto

Scritto il 12/11/2012, 01:11.

LINK TO: Psyche et Ius

L’ascolto del minore nelle separazioni e nei divorzi è oggetto di studio multidisciplinare perché coinvolge la giurisprudenza, la psicologia forense e quella evolutiva.

Le ricerche in ambito psicologico considerano l’ascolto dell’adulto come un dovere nei confronti delle necessità del minore e quelle inerenti l’area giuridica ritengono l’ascolto del minore un diritto vero e proprio.

Il minore, grazie alla legge n. 54/2006 che ha introdotto nell’ordinamento giuridico italiano il principio della genitorialità, ha non solo il diritto ad avere rapporti continuativi con entrambi i genitori e le famiglie di appartenenza ma anche d’essere ascoltato se maggiore di 12 anni e capace di discernimento nei procedimenti che riguardano sia le separazioni che i divorzi.

La partecipazione attiva dei minori ai procedimenti giuridici ha rilevato una maggiore abilità del minore nell’adeguarsi alle nuove dinamiche familiari poiché accresce il senso di autostima, la sensazione di gestire la nuova situazione e la sua resilienza, ovvero la capacità di sopportare nuove difficoltà ed organizzare positivamente nuovi equilibri.

Le modalità d’ascolto del minore non sono ancora unitariamente regolamentate, seppur aumentano i protocolli redatti dalle Magistrature e dai membri del ceto forense in diverse sedi giuridiche italiane.

L’Ordine degli Psicologi del Lazio ha individuato, tra tali protocolli, criteri condivisi di riferimento per stilare delle linee guida per psicologi al fine di creare uno strumento che metta in sinergia i know-how psicologici e giuridici.

Queste linee guida descrivono sia le competenze cognitive, morali, relazionali ed emotive dei minori che la loro capacità di discernimento. Valutano le modalità d’ascolto in relazione alla loro età, quindi, se minori di 8 anni, se compresi tra gli 8 e gli 11 o se tra i 12 e i 18 anni.

Vagliano le competenze genitoriali legate all’ascolto del figlio. Indicano metodologie per i CTU chiamati ad ascoltare il minore e le best practices del suddetto ascolto in ambito processuale.

Dott.ssa Mimma Chiara Cavarra

chiaracavarra@hotmail.com

Articoli correlati:

Scrivi un commento

Divertirsi imparando

Iniziative sociali in zona Tribunale

Iniziative sociali in zona Tribunale. Roma, quartiere Prati. Partirà dal mese di marzo prossimo, presso i locali della Parrocchia di Santa Lucia, sita... [Continua]

Corso personalizzato per la preparazione al Nuovo Esame di Avvocato

iscrizioni aperte

Sono aperte le iscrizioni al nuovo corso personalizzato per la preparazione al prossimo Esame di Avvocato 2015/2016. Il corso offre una preparazione... [Continua]

Il Nuovo Esame di Avvocato

Riforma del 2012 (art. 46 Legge n. 247/2012)

La riforma del 2012 (art. 46 Legge n.247/2012) ha introdotto importanti modifiche all’esame di abilitazione all’esercizio alla professione di Avvocato. Dalla... [Continua]

Recente sentenza sul legittimo impedimento

Corte di Cass. Pen. n. 32949/2012

Costituisce legittimo impedimento a comparire in udienza il diritto del difensore di poter partecipare al funerale di un suo prossimo congiunto rappresentando... [Continua]

Attiva i riferimenti normativi con il Parser Normativo

Scarica da www.normattiva.it il software che trasforma in link i riferimenti normativi contenuti in un testo giuridico

Per attivare i riferimenti normativi in un testo è possibile utilizzare il Parser Normativo, scaricabile dal sito NORMATTIVA “il portale della legge... [Continua]

Milano. Chiusura Uffici dell’Ordine degli Avvocati di Milano e della Fondazione Forense

24 dicembre 2012 e 31 dicembre 2012

Gli Uffici dell’Ordine degli Avvocati di Milano e della Fondazione Forense di Milano resteranno chiusi nei giorni 24 e 31 dicembre 2012. Si segnala che: –... [Continua]