L’atletica leggera entra in carcere

Scritto il 2/07/2012, 11:07.

LINK TO: Focus on

Firmato l’accordo tra la FIDAL, il PRAP e il Garante Detenuti per la promozione dello sport negli Istituti di pena.

Un’iniziativa rivoluzionaria ha preso il via il 21 maggio grazie alla firma del Protocollo di Intesa tra il Garante dei Diritti delle persone private della libertà personale, rappresentato dall’avvocato Filippo Pegorari, la FIDAL Comitato regionale Lazio, rappresentata dal Presidente Marco Pietrogiacomi, e il Provveditorato Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria, diretto dalla dottoressa Maria Claudia Di Paolo.

La pratica delle nobili discipline sportive dell’atletica leggera entra così all’interno delle carceri presenti sul territorio di Roma Capitale.

Il progetto è stato realizzato con l’affiancamento dell’associazione Gruppo Idee. Alla manifestazione, svoltasi nella sala del Carroccio in Campidoglio, hanno preso parte il Delegato allo Sport Alessandro Cochi e l’ex Pugile Nino La Rocca.

L’intento è dare la possibilità di fare sport anche a coloro che sono stati privati della libertà personale sotto la guida professionale di tecnici federali.

Durante l’incontro è stato osservato un minuto di silenzio per le vittime dell’attentato avvenuto a Brindisi il 19 maggio e per i terremotati dell’Emilia Romagna.

Al termine della stipula del documento l’avvocato Pegorari ha rilasciato una dichiarazione nella quale ha sottolineato l’alto valore morale di questo accordo:

Con questa iniziativa si vuole dare un segnale chiaro e forte. Si continua a lavorare con maggiore determinazione per la legalità e i diritti umani. Studio, lavoro, sport e arte sono le quattro vie consolari che portano il detenuto al suo pieno recupero sociale. L’ufficio da me diretto segue questo principio nella sua opera, volta a favorire il reinserimento del detenuto nel tessuto sociale e il recupero del senso della legalità. Lo sport, con le sue regole e i suoi principi, favorisce anche il riappropriarsi dei valori etici e morali”.

Anche il Presidente della FIDAL Lazio ha avuto parole di compiacimento:

Questo progetto – ha sottolineato Marco Pietrogiacomirientra nelle iniziative socio-sportive che la FIDAL Lazio persegue, al di là degli aspetti meramente agonistici. Riteniamo che portare l’atletica nelle carceri risponda a un dovere di chi gestisce l’attività sportiva nel nostro Paese. Vogliamo essere i precursori di un’iniziativa che spero possa allargarsi su tutto il territorio nazionale. Ringrazio tutte le autorità che hanno permesso la concretizzazione di un’idea. La risposta da parte dei detenuti è già stata entusiastica e le attività sono iniziate con un buon numero di partecipanti, destinati ad aumentare nei prossimi mesi”.

Lo sport all’interno delle carceri può essere scuola di vita che insegna a lottare per ottenere una giusta ricompensa e che aiuta alla socializzazione e al rispetto tra compagni e avversari, valori fondamentali per il reinserimento dei detenuti all’interno della società.

 Silvia Chiappinelli

Articoli correlati:

Scrivi un commento

Divertirsi imparando

Iniziative sociali in zona Tribunale

Iniziative sociali in zona Tribunale. Roma, quartiere Prati. Partirà dal mese di marzo prossimo, presso i locali della Parrocchia di Santa Lucia, sita... [Continua]

Corso personalizzato per la preparazione al Nuovo Esame di Avvocato

iscrizioni aperte

Sono aperte le iscrizioni al nuovo corso personalizzato per la preparazione al prossimo Esame di Avvocato 2015/2016. Il corso offre una preparazione... [Continua]

Il Nuovo Esame di Avvocato

Riforma del 2012 (art. 46 Legge n. 247/2012)

La riforma del 2012 (art. 46 Legge n.247/2012) ha introdotto importanti modifiche all’esame di abilitazione all’esercizio alla professione di Avvocato. Dalla... [Continua]

Recente sentenza sul legittimo impedimento

Corte di Cass. Pen. n. 32949/2012

Costituisce legittimo impedimento a comparire in udienza il diritto del difensore di poter partecipare al funerale di un suo prossimo congiunto rappresentando... [Continua]

Attiva i riferimenti normativi con il Parser Normativo

Scarica da www.normattiva.it il software che trasforma in link i riferimenti normativi contenuti in un testo giuridico

Per attivare i riferimenti normativi in un testo è possibile utilizzare il Parser Normativo, scaricabile dal sito NORMATTIVA “il portale della legge... [Continua]

Milano. Chiusura Uffici dell’Ordine degli Avvocati di Milano e della Fondazione Forense

24 dicembre 2012 e 31 dicembre 2012

Gli Uffici dell’Ordine degli Avvocati di Milano e della Fondazione Forense di Milano resteranno chiusi nei giorni 24 e 31 dicembre 2012. Si segnala che: –... [Continua]